Nuovi prodotti

Blam! Clunk! Hiii! Slam! Zbam!

bottono

Una porta che si apre all’improvviso o che si chiude velocemente, lo scricchiolio di una porta, il rumore di una porta chiusa con violenza… La soluzione più banale sarebbe quella di chiudere la porta! E invece no! A Div.ergo si risponde con creatività anche a queste esigenze così quotidiane, spicciole e antipatiche.

Il fermaporte è la risposta! Dalla forma piramidale, diventa utile per evitare di sobbalzare ad ogni Slam! o di tremare ad ogni Hiii!, ma è anche splendido oggetto d’arredo moderno, colorato e prezioso. Ce n’è davvero per tutti i gusti; dal fermaporta decorato coi bottoni a quello decorato con le perline e il fimo, dal tema del mare con i pesciolini, al tema del prato in fiore, dalle margherite al cielo stellato e chissà quante altre decorazioni Alessandra e Mariella riusciranno a creare. Sono loro le artiste indiscusse dell’infilaggio delle perline, arte che richiede concentrazione e pazienza ma anche l’intesa e l’amicizia di cui ogni giorno si fa esperienza con loro a Div.ergo. Il bello è che qui davvero le diverse abilità di tutti si intrecciano.

La decorazione non avrebbe senso senza il taglio e il cucito del signor Leo, senza l’applicazione delle perline della signora Teresa e senza la solida imbottitura di tante e tante altre mani creative.

Grazia Orfino

I Tangram

tangram

Ai giochi presenti nel nostro Laboratorio da poco se n’è aggiunto un altro: il Tangram, un gioco antico che non poteva mancare a Div.ergo, non solo per l’allegria dei colori e la varietà delle forme, ma probabilmente perché c’è qualcosa di più profondo, in questo gioco, che ci ha conquistati. La parola infatti nasconde un significato che dice qualcosa anche di noi.

Dal cinese tang che significa “le sette pietre della saggezza”, il Tangram potrebbe essere il gioco adatto a chi prova a guardare dentro le cose e riesce a cogliere ciò che a prima vista può sembrare impossibile, proprio come si prova a fare ogni giorno a Div.ergo. Sette tan, ognuno diverso dall’altro per forma, dimensione e colore (triangoli, rettangoli, quadrato e parallelogramma), eppure ciascuno indispensabile perché una figura possa prendere forma. La saggezza consiste proprio in quest’opera di composizione creativa che non ammette scorciatoie: la regola è che nessun pezzo sia escluso, solo allora si potrà vedere venir fuori conigli, uomini che corrono, case e tante altre figure. Saggezza anche nella lavorazione. Lo sanno bene Pierluigi, Giulio e Gianfranco che con cura disegnano, tagliano e scartavetrano – non un millimetro in più, né uno in meno – perché ogni pezzo sia preciso. Sono loro gli esperti del legno, conoscono bene la spigolosità delle forme, ma anche la propria; sanno bene il calore della materia ma anche quello dell’amicizia che li unisce.

Bastano queste caratteristiche per capire il perché della scelta di questo gioco. Diversità, allegria, colore, spigolosità, creatività e capacità di guardare lontano, a ciò che si può diventare: tutto questo sono i Tangram e tutto questo è Div.ergo. 

Pronti a provarci? Buon divertimento!

Nicola Di Girolamo e Grazia Orfino

Intrecci di... carta!

piatto carta

Da un po’ di tempo a questa parte a Div.ergo si possono ascoltare strane conversazioni…
Pierluigi: “Guarda qua! Proprio il cellulare che cercavo! Ad un prezzo stracciato!”
Annalisa: “Ahhh! Come mi piacerebbe avere una camera così!”
Laura: “Che bello papa Francesco! Vedi, ora è in Turchia” Grazia: “Questa ricetta è da provare: arrosto di maiale all’uva! Gnam!” Tranquilli signori… non siamo dal parrucchiere (come spesso dice Tony), siamo sempre a Div.ergo!  Ma spieghiamo meglio…
Da quest’autunno l’Officina di Div.ergo ha iniziato a riempirsi di giornali, dépliant pubblicitari, riviste di moda e di arredamento, ma non da sfogliare stesi su comode poltroncine, bensì da… strappare! E già, perché da pile e pile di giornali nascono oggi le nuove sculture di carta.
Il primo segreto sta nella scelta e nel taglio delle pagine più colorate che Tony, Francesca e Valentina selezionano e strappano con decisione e professionalità.
Il secondo passaggio è quello della creazione di bacchette ben affusolate da infilare una nell’altra, all’infinito. Sotto le mani veloci di Pierluigi, quelle precise di Alessandra e pressanti di Laura, scorrono fogli e lunghi stecchini da cui si sfilano bacchette coloratissime destinate a ritornare nelle mani di Valentina, o meglio, sotto i rulli della macchina per la pasta. 
A questo punto, piatte bacchette blu, gialle, rosse, verdi e rosa, sono pronte per essere intrecciate, insieme alle nostre parole, ai sorrisi e ai pensieri e diventare così cestini portaoggetti, coppette svuotatasca, centritavola e vasi decorati, portariviste e cesti da lavoro, rigorosamente marchiati Div.ergo!

Grazia Orfino

Laboratorio - Lecce

Corso Vittorio Emanuele II, 36-38
338 349 4274
info@divergo.org
Cookie Policy

Bottega - Santeramo

via F. Netti, 31
324 882 6733
santeramo@divergo.org

Officina - Lecce

via del Mare 
info@divergo.org

Questo sito utilizza cookie atti a migliorare la navigazione degli utenti.
Chiudendo questo banner tramite il pulsante "ACCETTA" e proseguendo la navigazione sul sito se ne autorizza l'uso in conformità alla nostra Cookie Policy